Smart working e postura: come evitare il mal di schiena

BLOG

Smart working e postura: come evitare il mal di schiena

27/01/2021

Da quando sono cominciate le restrizioni in vista del contenimento del contagio da Cov-19, diverse persone si sono trovate in smartworking, che sicuramente ha i suoi aspetti positivi ma, se non si pone la giusta attenzione alla propria postura, si possono avvertire diversi fastidi alla schiena.

Lavorare da casa, infatti, ci porta a trascorrere molto più tempo al pc o con lo smartphone e a non fare troppa attenzione al modo in cui lo facciamo: mentre cominciamo in posizione corretta, dopo due minuti di lavoro ci si ritrova incurvati e ingobbiti.

Tenere la schiena dritta è fondamentale ed è importante dare alla colonna vertebrale il giusto sostegno con uno schienale adatto a chi deve restare seduto per un po’. Una sedia o poltrona da ufficio di forma ergonomica hanno la caratteristica forma a “S” nello schienale, e fanno sì che la colonna resti ben appoggiata e nella giusta posizione.

La postura corretta

È importante evidenziare subito un aspetto: che si tenga o meno la giusta postura, è sempre benefico alzarsi e sgranchire un po’ il corpo dopo ogni ora di lavoro.

Quando ci si siede, le spalle vanno tenute rilassate e senza tendere o incurvare il collo. È altrettanto importante tenere la testa alta (posizionando lo schermo all’altezza dello sguardo), anche perché quando collo e mascella sono tesi, c’è più possibilità di incorrere in mal di testa.

Aspetto di rilievo è l’altezza della sedia: una sedia troppo alta non permette di appoggiare i piedi a terra, mentre una sedia troppo bassa può causare contorsioni e movimenti scorretti. L’altezza ideale è quella che consente di formare un angolo retto fra sedile e schiena e fra gambe e pavimento.

Una abitutine poco sana è quella di accavallare le gambe, che compromette la circolazione venosa.

La posizione dei polsi mentre si usa la tastiera è importantissima: le sedute migliori sono quelle provviste di braccioli regolabili, da adattare all’altezza del piano di lavoro, in modo da portare i gomiti a formare un angolo di 90-100 gradi ed essere allineati con i polsi.

Il benessere dato da una postura corretta

Una postura corretta può regalarci molti benefici, tra cui:

  • Energia: permette al diaframma di lavorare in modo più efficiente rendendo la respirazione più facile e meno faticosa. Una respirazione efficiente agisce in modo benefico sul flusso di ossigeno in tutto il corpo e dà energia.

  • Equilibrio e stabilità: ci aiuta a raggiungere il giusto equilibrio e la stabilità, importanti per svolgere tutte le attività quotidiane con il massimo comfort.

  • Sollievo per le articolazioni: le articolazioni vengono sollecitate di meno perché i carichi del corpo vengono distribuiti in maniera equa.

  • Anti-stress: in quanto può stimolare l'eccitazione fisiologica tramite un picco della pressione sanguigna e innescare così una risposta allo stress.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure chiedere semplici delucidazioni, non esitare a contattarci. Il nostro team di professionisti sarà lieto di risponderti.

Lascia un commento